Autostima: Crescita Personale e Sviluppo delle Potenzialità

Benessere Psicologico ed Autostima

L'approvazione del proprio valore personale è una motivazione umana fondamentale. Accrescere l'autostima costituisce un fattore essenziale per la crescita personale ed il raggiungimento del benessere psicologico e lo sviluppo delle potenzialità. Sapere cos'è e come aumentare l'autostima rappresenta un argomento centrale in psicologia. L'autostima ha stimolato la ricerca psicologica con la produzione e la stesura di innumerevoli articoli nel corso degli ultimi anni. L'alta autostima può avere in generale effetti positivi ma in particolare, è stata studiata la relazione tra bassa autostima e alcuni disturbi psicopatologici quali ansia e depressione. Esistono training specifici per affrontare i problemi di bassa autostima e risolverli (Stavropoulos, Lazaratou, Marini e Dikeos, 2015). Un livello molto alto di autostima è stato invece, in alcuni casi, spesso associato al narcisismo patologico.

Autostima

Formazione e Sviluppo dell'Autostima

 Autostima e Crescita Personale

La formazione dell'autostima richiede un processo molto lungo di crescita personale. Lo sviluppo della stima di sé inizia in particolare nella fase adolescenziale e si evolve fino al periodo del pensionamento coivolgendo aspetti legati alla maggiore responsabilità (Orth, Trzesniewski e Robins, 2010). Il livello di autostima diminuisce durante l'adolescenza ed aumenta nella prima età adulta (Tsai, Ying e Lee, 2001). Diversi studi hanno sottolineato il ruolo centrale dell'ambiente familiare nella formazione dell'autostima, della crescita personale e della personalità globale. I Primi studi di Rosenberg (1965) hanno evidenziato che favorire l'autonomia e la libertà degli adolescenti in famiglia e nella relazione con i pari può aumentare l'autostima. Il periodo dell'adolescenza è molto importante per la formazione dell'autostima ed il suo sviluppo. Il livello di autostima si riflette negli atteggiamenti e comportamenti dell'adolescente a casa e a scuola (Mogonea e Mogonea, 2014). Gli adolescenti con un alto livello di autostima hanno le seguenti caratteristiche: sono in grado di influenzare positivamente l'opinione e comportamento degli altri; affrontano positivamente nuove situazioni; hanno un alto livello di tolleranza verso la frustrazione; hanno un buon autocontrollo e la convinzione che quello che accade è quasi sempre il risultato delle proprie azioni aumentando le capacità di problem solving. Spesso un basso livello di autostima, può essere visto come uno "stato" temporaneo legato all'influenza della specifica situazione problematica che si sta vivendo in determinato periodo di tempo. (Heatherton and Wyland, 2003). L'adolescenza risulta, quindi, il periodo fondamentale per lo sviluppo e la formazione dell'autostima. Essa può essere anche definita come un criterio generale di autovalutazione del sé che coinvolge valutazioni cognitive ed esperienze affettive (Murphy, Stosny e Morrel, 2005).

Autostima e Sviluppo delle Potenzialità

L'autostima è un tratto di personalità che fa riferimento a diverse dimensioni, quali: l'ascendenza; la responsabilità; la stabilità emotiva e la socializzazione (Gordon, 1993). In particolare è legata ai concetti di immagine di sé e auto-consapevolezza e contribuisce alla consapevolezza e allo sviluppo delle proprie potenzialità. La maggior parte delle teorie sull'autostima considerano quest'ultima come un tratto di personalità relativamente stabile. In base di questa prospettiva, l'autostima è  ritenuta resistente al cambiamento perché si costruisce lentamente nel tempo attraverso le esperienze di vita personali, come, ad esempio, il successo ripetuto nel raggiungimento degli obiettivi di lavoro e personali  o il continuo apprezzamento che si riceve da parte degli altri significativi. Diversi studi, inoltre, hanno evidenziato che l'autostima possa essere aumentata utilizzando training specifici di crescita personale e sviluppo delle potenzialità e della personalità. Greenier et al., (1995) hanno affermato che il livello alto o basso di autostima fa riferimento all'ampiezza delle possibili fluttuazioni che le persone sperimentano a breve termine nelle loro emozioni e nei propri comportamenti e pensieri in relazione allo specifico contesto. In questa direzione acquistano notevole importanza le tecniche e le strategie cognitive e comportamentali che possono aumentare la bassa autostima. Il training di autostima costituisce una opportunità di crescita e sviluppo personale da prendere in seria considerazione per accrescere la stima di sé. L'autostima può essere vista come costituita dall'insieme di tutti i pensieri ed i contenuti della nostra mente rispetto alla fiducia ed alla considerazione che abbiamo verso noi stessi. Quando si parla di una buona stima di sé, si fa riferimento al mantenimento di un sano livello di autostima che coinvolge la stima ed il rispetto di se stessi e la consapevolezza delle potenzialita espresse ed inespresse.

Riferimenti bibliografici

Orth, U., Trzesniewski, K. H. and Robins, R. W. (2010). Self-esteem development from young adulthood to old age: A cohort-sequential longitudinal study. Journal of Personality and Social Psychology, 98, 645658.

Tsai, I., Ying, Y-W. and Lee, P. A. (2001). Cultural predictors of self-esteem: A study of Chinese American female and male young adults. Cultural Diversity and Ethnic Minority Psychology, 7, 284-297.

Heatherton, T.F. and Wyland, C.L. (2003). Assessing self-esteem. In S.J. Lopez and C.R. Snyder (Eds.), Positive psychological assessment: A handbook of models and measures (pp. 219-233). Washington, DC: American Psychological Association.

Rosenberg, M. (1965). Society and the adolescent self- image. Princeton, NJ: Princeton University Press.

Mogonea, F- R. and Mogonea, F. (2014). The role of the family in building adolescent’s self-esteem. Procedia: Social and Behavioral Sciences, 127, 189-193.

Gordon, L.V., Manual: Gordon Personal Profile-Inventory. The Psychological Corporation, San Antonio TX (1993) pp. 43-76.

Stavropoulos, V., Lazaratou, H., Marini, E. and Dikeos, D. (2015). Low family satisfaction and depression in adolescence: The role of self-esteem. Journal of Educational and Developmental Psychology, 5, 109-118.

Greenier, K. D., Kernis, M. H. and Waschull, S. B. (1995). Not all high (or low) self-esteem people are the same: Theory and research on stability of self-esteem. In M. H. Kernis (Ed.), Efficacy, agency, and self-esteem (pp. 51-71). New York: Springer.

Murphy, C. M., Stosny, S. and Morrel, T. M. (2005). Change in self-esteem and physical aggression during treatment for partner violent men. Journal of Family Violence, 20, 201-210.

Baumeister, R. R., Campbell, J. D., Krueger, J. I. and Vohs, K. E. (2003). Does high self-esteem cause better performance, internpersonal success, happiness, or healthier lifestyles? Psychological Science in the Public Interest, 4, 1-44.

Leary, M. R., Tambor, E., Terdal, S. and Downs, D. L. (1995). Self-esteem as an interpersonal monitor: The sociometer hypothesis. Journal of Personality and Social Psychology, 68, 518-530.

Zeigler-Hill, V. (2011). The connections between self-esteem and psychopathology. Journal of Contemporary Psychotherapy, 41, 157-164.

Lloyd, Sam R.Developing Positive Assertiveness: Practical Techniques for Personal Success. 2001.

Alberti, Robert E. & Emmons, Michael L. Your Perfect Right: Assertiveness and Equality in Your Life and Relationships. 2001.

Kenneth W. Merrell; Gretchen A. (1998). Social Skills of Children and Adolescents: Conceptualization, Assessment, Treatment.  GimpelLawrence Erlbaum Associates, 1998.