Caratteristiche dell'Autostima e Come Aumentarla - Test

Autostima: Benessere Psicologico e Sviluppo delle Potenzialità

L'approvazione del proprio valore personale è una motivazione umana fondamentale. Aumentare l'autostima costituisce un fattore essenziale per la crescita personale, lo sviluppo delle potenzialità ed il raggiungimento del benessere psicologico. Sapere cos'è e come accrecsere l'autostima rappresenta un argomento centrale in psicologia. L'autostima ha stimolato la ricerca psicologica con la produzione e la stesura di innumerevoli articoli nel corso degli ultimi anni. L'alta autostima può avere in generale effetti positivi ma in particolare, è stata studiata la relazione tra bassa autostima e alcuni disturbi psicopatologici quali ansia e depressione. Esistono training specifici per affrontare i problemi di bassa autostima e risolverli (Stavropoulos, Lazaratou, Marini e Dikeos, 2015). Un livello molto alto di autostima è stato invece, in alcuni casi, spesso associato al narcisismo patologico.

Autostima

Come si Forma e sviluppa l'Autostima

 Stima di Sè e Crescita Personale

La formazione dell'autostima richiede un processo molto lungo di crescita personale. Lo sviluppo della stima di sé inizia in particolare nella fase adolescenziale e si evolve fino al periodo del pensionamento coivolgendo aspetti legati alla maggiore responsabilità (Orth, Trzesniewski e Robins, 2010). Il livello di autostima diminuisce durante l'adolescenza ed aumenta nella prima età adulta (Tsai, Ying e Lee, 2001). Diversi studi hanno sottolineato il ruolo centrale dell'ambiente familiare nella formazione dell'autostima, della crescita personale e della personalità globale. I Primi studi di Rosenberg (1965) hanno evidenziato che favorire l'autonomia e la libertà degli adolescenti in famiglia e nella relazione con i pari può aumentare l'autostima. Il periodo dell'adolescenza è molto importante per la formazione dell'autostima ed il suo sviluppo. Il livello di autostima si riflette negli atteggiamenti e comportamenti dell'adolescente a casa e a scuola (Mogonea e Mogonea, 2014). Gli adolescenti con un alto livello di autostima hanno le seguenti caratteristiche: sono in grado di influenzare positivamente l'opinione e comportamento degli altri; affrontano positivamente nuove situazioni; hanno un alto livello di tolleranza verso la frustrazione; hanno un buon autocontrollo e la convinzione che quello che accade è quasi sempre il risultato delle proprie azioni aumentando le capacità di problem solving. Spesso un basso livello di autostima, può essere visto come uno "stato" temporaneo legato all'influenza della specifica situazione problematica che si sta vivendo in determinato periodo di tempo. (Heatherton and Wyland, 2003). L'adolescenza risulta, quindi, il periodo fondamentale per lo sviluppo e la formazione dell'autostima. Essa può essere anche definita come un criterio generale di autovalutazione del sé che coinvolge valutazioni cognitive ed esperienze affettive (Murphy, Stosny e Morrel, 2005).

Autostima e Sviluppo delle Potenzialità

L'autostima è un tratto di personalità che fa riferimento a diverse dimensioni, quali: l'ascendenza; la responsabilità; la stabilità emotiva e la socializzazione (Gordon, 1993). In particolare è legata ai concetti di immagine di sé e auto-consapevolezza e contribuisce alla consapevolezza e allo sviluppo delle proprie potenzialità. La maggior parte delle teorie sull'autostima considerano quest'ultima come un tratto di personalità relativamente stabile. In base di questa prospettiva, l'autostima è  ritenuta resistente al cambiamento perché si costruisce lentamente nel tempo attraverso le esperienze di vita personali, come, ad esempio, il successo ripetuto nel raggiungimento degli obiettivi di lavoro e personali  o il continuo apprezzamento che si riceve da parte degli altri significativi. Diversi studi, inoltre, hanno evidenziato che l'autostima può essere aumentata utilizzando training specifici di crescita personale e sviluppo delle potenzialità e della personalità. Greenier et al., (1995) hanno affermato che il livello alto o basso di autostima fa riferimento all'ampiezza delle possibili fluttuazioni che le persone sperimentano a breve termine nelle loro emozioni e nei propri comportamenti e pensieri in relazione allo specifico contesto. In questa direzione acquistano notevole importanza le tecniche e le strategie cognitive e comportamentali che possono aumentare la bassa autostima. Il training di autostima costituisce una opportunità di crescita e sviluppo personale da prendere in seria considerazione per accrescere la stima di sé. L'autostima può essere vista come costituita dall'insieme di tutti i pensieri ed i contenuti della nostra mente rispetto alla fiducia ed alla considerazione che abbiamo verso noi stessi. Quando si parla di una buona stima di sé, si fa riferimento al mantenimento di un sano livello di autostima che coinvolge la stima ed il rispetto di se stessi e la consapevolezza delle potenzialita espresse ed inespresse.

Bassa Autostima e Rispetto di Sé

Il livello di autostima (test), il rispetto e la fiducia in sé sono fattori molto importanti per il benessere e la salute psicologica. Le persone con bassa autostima sono più infelici, pessimistiche e meno motivate rispetto a quelle con alta autostima. Hanno un livello di umore più basso e sono più ansiose. Le persone con bassa autostima cercano di evitare di affrontare i compiti difficili rispetto alle persone con alta autostima che invece considerano queste nuove esperienze come un'opportunità (Baumeister et al., 2003). Le persone con bassa autostima sono più vulnerabili davanti ai problemi della vita reale. Al contrario, un alto livello di autostima fornisce agli individui la capacità di gestire situazioni difficili, di reagire positivamente ed efficacemente allle sfide, di impegnarsi costruttivamente nelle relazioni significative e di migliorare costantemente i propri punti di forza e diminuire i punti di debolezza.

Rispetto di se stesso e bassa autostima

Aspetti Psicologici e Psicopatologici della Bassa Autostima

Quali Problemi con un Bassa Autostima?

Lo sviluppo funzionale dell'autostima è estremamente importante per un buon adattamento personale e sociale. Per quanto riguarda le persone con bassa autostima queste hanno sentimenti di inutilità, un livello basso di stabilità emotiva (Gordon, 1993) e tendono ad essere generalmente insoddisfatte della propria vita. La bassa autostima è stata messa in relazione con  gli stati depressivi, l'ansia, l'aggressività e ad una minore capacità di affrontare i problemi, in particolare nella fase adolescenziale. Inoltre, La bassa autostima è ritenuta un indicatore molto importante del rifiuto sociale, cioè l'incapacità di inserirsi in un gruppo sociale perché respinti dai suoi componenti (Leary et al., 1995). La bassa autostima si riflette nella creazione di schemi mentali disfunzionali e nel comportamento che risulta non adatto a confrontarsi con situazioni problematiche (Stavropoulos, Lazaratou, Marini e Dikeos, 2015). Le persone con alta autostima, invece, reagiscono immediatamente di fronte ai fallimenti rispetto agli individui con bassa autostima che tendono a bloccarsi ed auto-commiserarsi. Inoltre, un elevato livello di autostima è importante per l'autoregolazione e la qualità della vita di ogni individuo, costituendo una chiave importante per raggiungere i propri obiettivi nella vita. L'autoapprovazione è una motivazione umana fondamentale. Un'autostima alta è un fattore imprescindibile per raggiungere e manterenere nel tempo il benessere psicologico ed emotivo. L'autostima fa riferimento a diversi tratti di personalità e può essere vista come un dimensione su di un continuum bipolare. Queste differenze individuali comprendono diversi livelli dal più basso al più alto.

Bassa Autostima e Disturbi Psicologici

La bassa autostima di una persona corrisponde ad una autovalutazione globale negativa. Può essere considerata come un atteggiamento confuso ed incerto rispetto alla conoscenza di sé, costituito da un'eccessiva cautela che porta a non cimentarsi nell'affrontare positivamente i problemi che si incontrano nel corso della propria vita e ad una carenza di competenze e risorse che si riflettono in un continuo conflitto interno. Spesso si rimane in balia degli eventi e delle situazioni stressanti. La bassa autostima è spesso associata a disturbi psicologici. La bassa autostima è un fattore eziologico in molte condizioni psicopatologiche. La più bassa autostima è stata riscontrata in pazienti con disturbo depressivo maggiore, disturbi del comportamento alimentare e nella dipendenza da abuso di sostanze. Esiste una stretta relazione tra bassa autostima e l'insorgenza di disturbi psicopatologici (Murphy et al., 2005). Secondo diversi studi l'autostima ha una correlazione negativa sia con la depressione che con l'ansia di stato che tendono ad aumentare in presenza di un basso livello della stima di sé. Il Un basso livello di autostima è stato anche collegato a problemi comportamentali quali la dipendenza affettiva e difficoltà scolastiche. In conclusione, Il legame tra bassa autostima e psicopatologia fa riferimento alle seguenti spiegazioni presenti nel modello diatesi-stress: dove c'è una maggiore vulnerabilità individuale, la bassa autostima aumenta la probabilità di sviluppare disturbi psicologici;  e nel modello correlazionale: la bassa autostima è una conseguenza della psicopatologia piuttosto che una causa (Zeigler & Hill, 2011).

Bassa Autostima: Training per Aumentarla

Spesso la bassa autostima si riflette in un'eccessiva autocritica e in alcuni casi può portare a sviluppare ansia e depressione. Come aumentarla diventa fondamentale. La terapia cognitivo-comportamentale è il trattamento, che in base ai risultati delle ricerche effettuate, si è dimostrato il più efficace nell'aiutare le persone ad aumentare il proprio livello di autostima. In effetti, la terapia cognitivo-comportamentale è il trattamento che risolve la maggior parte dei problemi psicologici. È progettato per avere un breve durata ed è focalizzato sulla soluzione dei problemi in modo attivo. La terapia cognitivo-comportamentale per il trattamento della bassa autostima include una combinazione dei seguenti interventi di training:

Metodo 1 - Ristrutturazione cognitiva: la ristrutturazione cognitiva è una tecnica che permette di individuare e riconoscere schemi di pensiero inutili e disfunzionali nelle persone con bassa autostima sostituendoli con modalità e schemi più efficaci. La ristrutturazione cognitiva consente di identificare i pensieri negativi e distorti sulla fiducia ed il valore che si attiribuisce a se stessi come, ad esempio, attribuirsi le cause di un fallimento in base ad una errata valutazione delle proprie competenze o in base alla presenza di un evento negativo.

Metodo 2 - Attivazione comportamentale: le persone con una bassa autostima evitano attività e situazioni che non si sentono in grado di padroneggiare. Questo le porta a non confrontarsi costruttivamente con nuove opportunità ed esperienze gratificanti e tutto ciò incide sul loro umore che può essere depresso. L'attivazione comportamentale incide positivamente su questo comportamento disfunzionale aiutando le persone a trovare nuovi stimoli per affacciarsi di nuovo alla vita, e quindi ad avere maggiori possibilità di risolvere i propri problemi personali e lavorativi.

Metodo 3 - Training di assertività: le persone con bassa autostima incontrano notevoli difficoltà a far accettare le proprie decisioni, a rispondere no alle richieste di amici o conoscenti ed ad esprimere i sentimenti (Alberti et al., 2001. Lloyd, Sam R. 2001). L' assertività aiuta le persone ad apprendere e ad ottenere, utilizzando specifiche strategie, quello che vogliono dagli altri senza comprometter le loro relazioni.

Metodo 4 - Training di soluzione dei problemi: le persone che hanno una una bassa autostima, tendono a sentirsi impotenti e incapaci in molte situazioni. La formazione al problem solving efficace aiuta le persone ad essere consapevoli che i problemi esistono e le aiuta a riconoscerli, identificando soluzioni e potenziali risorse nel percorso di soluzione realizzando piani di azione efficaci.

Metodo 5 - Training sulle abilità sociali: la bassa autostima è spesso correlata con la mancanza parziale o totale delle abilità sociali. Possedere abilità sociali diversificate aiuta le persone ad aumentare i comportamenti sociali gratificanti e positivi e a ridurre i comportamenti sociali negativi (Kenneth & Gretchen, 1998) .

Riferimenti bibliografici

Orth, U., Trzesniewski, K. H. and Robins, R. W. (2010). Self-esteem development from young adulthood to old age: A cohort-sequential longitudinal study. Journal of Personality and Social Psychology, 98, 645658.

Tsai, I., Ying, Y-W. and Lee, P. A. (2001). Cultural predictors of self-esteem: A study of Chinese American female and male young adults. Cultural Diversity and Ethnic Minority Psychology, 7, 284-297.

Heatherton, T.F. and Wyland, C.L. (2003). Assessing self-esteem. In S.J. Lopez and C.R. Snyder (Eds.), Positive psychological assessment: A handbook of models and measures (pp. 219-233). Washington, DC: American Psychological Association.

Rosenberg, M. (1965). Society and the adolescent self- image. Princeton, NJ: Princeton University Press.

Mogonea, F- R. and Mogonea, F. (2014). The role of the family in building adolescent’s self-esteem. Procedia: Social and Behavioral Sciences, 127, 189-193.

Gordon, L.V., Manual: Gordon Personal Profile-Inventory. The Psychological Corporation, San Antonio TX (1993) pp. 43-76.

Stavropoulos, V., Lazaratou, H., Marini, E. and Dikeos, D. (2015). Low family satisfaction and depression in adolescence: The role of self-esteem. Journal of Educational and Developmental Psychology, 5, 109-118.

Greenier, K. D., Kernis, M. H. and Waschull, S. B. (1995). Not all high (or low) self-esteem people are the same: Theory and research on stability of self-esteem. In M. H. Kernis (Ed.), Efficacy, agency, and self-esteem (pp. 51-71). New York: Springer.

Murphy, C. M., Stosny, S. and Morrel, T. M. (2005). Change in self-esteem and physical aggression during treatment for partner violent men. Journal of Family Violence, 20, 201-210.

Baumeister, R. R., Campbell, J. D., Krueger, J. I. and Vohs, K. E. (2003). Does high self-esteem cause better performance, internpersonal success, happiness, or healthier lifestyles? Psychological Science in the Public Interest, 4, 1-44.

Leary, M. R., Tambor, E., Terdal, S. and Downs, D. L. (1995). Self-esteem as an interpersonal monitor: The sociometer hypothesis. Journal of Personality and Social Psychology, 68, 518-530.

Zeigler-Hill, V. (2011). The connections between self-esteem and psychopathology. Journal of Contemporary Psychotherapy, 41, 157-164.

Lloyd, Sam R.Developing Positive Assertiveness: Practical Techniques for Personal Success. 2001.

Alberti, Robert E. & Emmons, Michael L. Your Perfect Right: Assertiveness and Equality in Your Life and Relationships. 2001.

Kenneth W. Merrell; Gretchen A. (1998). Social Skills of Children and Adolescents: Conceptualization, Assessment, Treatment.  GimpelLawrence Erlbaum Associates, 1998.