g

Test Depressione

Cosa Misura il Test della Depressione

Il test della depressione si basa sull'auto-descrizione dei sintomi depressivi. Le diagnosi di Disturbo Depressivo Maggiore o Altro Disturbo Depressivo richiedono un'integrazione dei risultati del questionario, da parte del professionista della salute mentale, che va a valutare anche una compromissione del funzionamento sociale, occupazionale o di altre importanti aree come l'autostima.

Vanno comunque esclusi, quali criteri diagnostici, il normale lutto, una storia di un episodio maniacale (disturbo bipolare) e di un disturbo fisico o malattia, oppure l'assunzione di farmaci come causa biologica dei sintomi depressivi. Spesso è presente una comorbilità con con altri disturbi come i disturbi d'ansia, neuro-vegetativi, della sfera emotiva o della libido. Bisogna comunque fare attenzione nella diagnosi, ad esempio, la tristezza è considerato un importante sintomo della depressione, ma va valutato insieme alla presenza di altri sintomi perché è un’emozione normale, che fa parte del repertorio di qualunque persona in buona salute. La valutazione iniziale dovrebbe avere un carattere globale per poi passare ad una fase di screening successiva.

Tutte le risposte del  test sulla depressione dovrebbero essere verificate da professionisti della salute iscritti nei rispettivi ordini professionali. Per effettuare una valutazione affidabile dei risultati del test bisogna fare molta attenzione al livello di comprensione del testo delle domande da parte del paziente e alle informazioni preliminari emerse nel corso del colloquio clinico di accoglienza.

Test della Depressione: Caratteristiche

Il PHQ-9 è diventato rapidamente il test di misurazione standard per la depressione a livello internazionale. Tuttavia, un problema che si presenta spesso è la mancanza di una conoscenza approfondita di cos'è un test che misura lo stato di umore, come interpretare i punteggi e come poterlo utilizzare. Ogni linea guida di trattamento in tutto il mondo raccomanda l'uso di cure basate sulla misurazione nella pratica clinica quotidiana.

Il test è una versione che fa parte dello strumento diagnostico PRIME-MD per i disturbi mentali comuni. Il PHQ-9 calcola ciascuno dei 9 criteri del Manuale Diagnostico Psichiatrico per i disturbi depressivi (esclusa la depressione bipolare), assegnando punteggi che vanno da "0" (per niente, assenza di sintomi depressivi) a "3" (quasi ogni giorno, presenza dei sintomi depressivi). Oltre a fare diagnosi basate sui criteri dei disturbi depressivi, il PHQ-9 è anche una misura affidabile e valida della gravità della depressione. Queste caratteristiche e la sua brevità rendono il PHQ-9 un utile strumento clinico e di ricerca per i disturbi dell'umore.

Interpretazione dei Punteggi del Test

Il test per la depressione PHQ-9 è più breve di altri questionari che valutano lo stesso disturbo. Può essere somministrato personalmente dal professionista della saluta mentale, per telefono o per auto-somministrazione. Semplifica la diagnosi di depressione maggiore e inoltre permette di valutare la gravità dei sintomi.

I seguenti punteggi identificano la gravità dei sintomi della depressione:

punteggio 0-4 - depressione minima;

punteggio 5-9 - depressione lieve;

punteggio 10-14 - depressione moderata;

punteggio 15-19 - depressione moderatamente elevata;

punteggio 20-27 - depressione elevata.

Le ricerche effettuate sul test hanno dimostrato che diversi punteggi del test della depressione PHQ-9 evidenziano una elevata correlazione con una successiva diagnosi di depressione maggiore. Tuttavia, non tutte le persone che hanno un punteggio elevato nei risultati del test possono ricevere una diagnosi di depressione maggiore. Il test della depressione PHQ-9 è considerato come uno strumento di supporto molto utile per aiutare i professionisti della salute mentale a individuare i sintomi e a diagnosticare la depressione, ma il test non può sostituire la diagnosi di uno psicologo o psichiatra esperto.

Test della Depressione PHQ-9

 

TEST DEPRESSIONE

Nelle ultime 2 settimane, con quale frequenza è stato presente ciascuno dei seguenti problemi?

Il test della depressione PHQ-9 è stato sviluppato da Robert L. Spitzer, Janet BW Williams, Kurt Kroenke e colleghi, per la Pfizer Inc. Non è richiesta l'autorizzazione per l'utilizzo, la riproduzione e la distribuzione.

La tua privacy è molto importante. I risultati del test sulla depressione sono del tutto anonimi.

*Dichiarazione di responsabilità: Il test della depressione PHQ-9 è considerato come uno strumento di supporto molto utile per aiutare i professionisti della salute mentale a individuare la gravità dei sintomi dellla depressione, ma non può sostituire da solo la diagnosi approfondita di uno psicologo, psicoterapeuta o psichiatra esperto. Il test non ha valore diagnostico.

 

Bibliografia:

Spitzer R., Kroenke, K., Williams, J. (1999). Validation and utility of a self-report Version of PRIME-MD: the PHQ Primary Care Study. Journal of the American Medical Association, 282, 1737-1744.

Kroenke, K; Spitzer, R.L. (2002). "The PHQ-9: A New Depression Diagnostic and Severity Measure". Psychiatric Annals. 32: 1–7.

Pfizer Inc. (2010). "Instructions for Patient Health Questionnaire (PHQ) and GAD-7 Measures". Pfizer.

Van Steenbergen-Weijenburg, Kirsten; De Vroege, L; Ploeger, R.R.; et al. (2010). "Validation of the PHQ-9 as a Screening Instrument for Depression in Diabetes Patients in Specialized Outpatient Clinics". BMC Health Services Research. 10: 1–6

"Patient Health Questionnaire (PHQ-9 and PHQ-2)". American Psychological Association.

Gelkopf M. The use of humor in serious mental illness: a review. Evid Based Complement Alternat Med. 2009 Aug 17;

Mitchell AJ, Yadegarfar M, Gill J, Stubbs B. Case finding and screening clinical utility of the Patient Health Questionnaire (PHQ-9 and PHQ-2) for depression in primary care: a diagnostic meta-analysis of 40 studies. BJPsych Open2016;2:127-38.

Kroenke, K; Spitzer, R.L.; Williams, J.B.W. (2001). "The PHQ-9: Validity of a Brief Depression Severity Measure". Journal of General Internal Medicine. 16 (9): 606–613.

Trattamento di: